Nov 28, 2008 - Storia    No Comments

Ricordando Carlo

mercoledì 26 ricorreva un anno dalla morte di Carlo Porta. Era nato a San Prospero Strinati (RE) nel 1918, operaio, presidente provinciale dell’ANPPIA.

Operaio alle Reggiane, era cresciuto in una famiglia di braccianti antifascisti. Come i suoi, era stato perseguitato per le sue idee. Il suo impegno democratico gli era valso il carcere a Roma, a Reggio e a Castelfranco Emilia. Poco dopo la caduta del fascismo, Porta era stato deportato in Germania e aveva conosciuto le durezze dei campi di Neu Brandeburg e di Wickede, nelle vicinanze di Dortmund.
Riuscito a sopravvivere e a tornare in Italia, aveva trovato lavoro alle Latterie cooperative reggiane. Ma soprattutto, specialmente da quando era andato in pensione, Porta si era impegnato perché le sue traversie – e quelle di tanti democratici come lui – non fossero dimenticate. Presidente della sezione di Reggio Emilia dell’Associazione nazionale perseguitati politici italiani antifascisti, Porta aveva dato il suo prezioso contributo anche all’ANPI e all’Istoreco. Sino a poco prima di morire, alla bell’età di 89 anni, era stato tra i più entusiasti organizzatori dei “Viaggi della memoria”.
L’ultimo suo impegno fu quello dell’incontro con gli studenti delle scuole medie di Ramiseto, nell’alto Appennino reggiano. A chi lo vedeva affaticato aveva risposto: “Questi ragazzi mi riempiono il cuore”.

Noi abbiamo avuto la fortuna di conoscere Carlo, di ascoltarlo raccontare la sua vita, con quella pacatezza e saggezza hanno solo gli uomini “veri”, quelli che hanno saputo dire no, pagandone il prezzo, quando tanti, troppi dicevano sì. Eravamo con lui a Berlino nel marzo 2003, il giorno in cui scoppiò la guerra in Iraq. Alla Porta di Brandeburgo arrivò il corteo di protesta degli studenti, noi restammo un attimo a guardarli, lui no. Lui si unì subito a loro e sorrideva felice. Anche quella era una battaglia giusta, contro la guerra, contro Bush, per la pace. Aveva già 85 anni ma era molto più giovane di noi. Grazie, Carlo!

Ricordando Carloultima modifica: 2008-11-28T11:51:00+00:00da pelikan-55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento