Archive from gennaio, 2010

Quisquilie, pinzellacchere..

Domenica, festa di S.Antonio. Una volta si benedivano le stalle e gli animali, poi si passò a benedire le auto, poi si smise di benedire e basta. Del resto che bisogno c’era di farsi benedire? Abbiamo tutto, no? Tv, outlet, maxistore, liquidazioni, dolci e ammazzacaffè.

La Binetti dice che farà campagna contro la Bonino e che se la Bonino vincerà se ne andrà dal Partito. Meraviglioso. Siamo davvero “oltre”, siamo ai limiti del sublime. Chapeau!

Brunetta-gridolo ha proposto di cacciare i giovani a 18 anni da casa per legge. Il collega calderoli (scusate la parolaccia) ha commentato “Brunetta l’ha fatta fuori dal vaso”. Ognuno usa i termini che conosce che ha imparato dai luoghi che frequenta. Tutto normale (si fa per dire).

Dalle stelle alle…la famiglia Burani, dopo miracoli, meraviglie, lodi, applausi si sono ritrovati con 600 milioni di debiti (ovvero 1161 miliardi del vecchio conio) verso le banche. Oltre qualche magistrato inascarito per i reati di aggiotaggio, falso in bilancio, ostacolo all’attivita’ degli organi di vigilanza e frode fiscale che pesano sui medesimi. 1161 miliardi di lire? Ma cos’è? Non sono più soldi, sono un’espressione metafisica. Quanto spazio tengono 1116 miliardi, quanto pesano? Manager, geni della finanza, da Tanzi in su, che geni! Magari qualche migliaio di persone resterà con il culo a terra, ma che importa? E’ il mercato, bellezza! Business as usual, tranquilli!


Il fondamentalismo padano: una “Jihad” in salsa lumbard

di Massimiliano Boschi

Entrambi auspicano una guerra santa, entrambi vogliono i propri simboli religiosi sulle bandiere nazionali, entrambi utilizzano la religione per pura propaganda e alimentano la paura per volontà di potere. Le vicinanze tra i fondamentalisti islamici e i leghisti nostrani non sono mai state così evidenti. Ovviamente fare propaganda alla guerra santa tra i campi profughi piuttosto che nei bar della Padania produce effetti diversi. La violenza da una parte è solo evocata, dall’altra praticata ma, nei fatti, i leghisti inseguono gli integralisti sul loro stesso terreno.

Un esempio è l’articolo del 29 dicembre scorso sulla Padania dove Enrico Macchi attacca la Chiesa “schiacciata com’è su posizioni solidaristiche del tutto perdenti” e invoca una nuova battaglia di Lepanto “perché a volte la guerra, metaforica o meno, è necessaria per ottenere la pace”. Dalla Padania, quindi, l’invito a tutti i cristiani a coalizzarsi contro i mussulmani come fece Pio V a Lepanto. Una “Lega santa” per una “Jihad” in versione “lumbard”. Che i leghisti si ispirino ai fondamentalisti è poi esplicitato da loro stessi. Si veda la proposta di un referendum contro le moschee in Italia in nome di una presunta reciprocità: “là niente chiese, qua nessuna moschea”. In Marocco, però la Chiesa cattolica è presente con 18 chiese che possono ospitare i 20.000 fedeli presenti.ln Tunisia le parrocchie sono 6, mentre i luoghi di culto in generale sono circa 15.

La chiesa cattolica è presente persino in Pakistan con sette diocesi. É invece in Arabia Saudita, terra di Bin Laden, che sono proibiti gli edifici cristiani. Non risulta, però che la maggior parte degli immigrati presenti in Italia sia di origine saudita. Senza contare che centinaia di moschee sono presenti in Germania, Francia, Olanda. Evidentemente la Lega ha altre fonti di ispirazione e preferisce il modello saudita.

Ultimamente gli unici europei che stanno simpatici ai leghisti sono gli svizzeri solo perché hanno votato contro i minareti. Anche se la Svizzera ospita comunque 200 tra moschee e luoghi di preghiera islamici. Restano proprio solo i sauditi. Altrove hanno compreso che se si chiede il rispetto per la propria religione si deve rispettare quella dell’altro. In caso contrario si rischia di arrivare a quella guerra santa che sembra tanto affascinare i fanatici di ogni religione. Quelli che insieme al fanatismo coltivano un identico vittimismo. Si legga quanto scriveva Bin Laden nel sua “fatwa” del 1996: “Non dovrebbe venirvi nascosto che il popolo dell’lslam ha sofferto per le aggressioni, le iniquità e le ingiustizie infertegli dall’ alleanza di crociati e sionisti e dai loro collaboratori; a tal punto che il sangue dei musulmani è diventato quello meno prezioso e il loro benessere è il bottino nelle mani dei nemici. Il loro sangue è stato versato in Palestina e in Iraq. Le orrende immagini del massacro di Cana, in Libano, sono ancora vive nella nostra memoria. Massacri in Tajikistan, (…) Filippine, Somalia, Eritrea, Cecenia e Bosnia. Massacri che danno i brividi e scuotono le coscienze”.

Questo “invece” (si fa per dire), ha scritto il Gruppo Consiliare della Lega Nord in Emilia Romagna nell’introduzione all’opuscolo/slam e immigrazione. I numeri di un’invasione: “Nelle capitali dei paesi islamici si assaltano sedi diplomatiche, si bruciano simboli dell’odiato occidente, si distruggono chiese e si uccidono preti e missionari, si mettono bombe per annientare quel poco che resta delle comunità cristiane che da centinaia di secoli popola quei paesi”. Da “Al Qaeda” alla Lega: stesso tono, stesso vittimismo, stesso invito alla rivolta contro il nemico religioso. Così, se da una parte si semina il terrore, dall’altra una più gestibile “fifa”, ma intanto si innalza il muro attraverso una propaganda assillante su quanto “l’altro” sia pericoloso, tra provocazioni reciproche. E se da un parte si bruciano le bandiere occidentali, dall’altra si cammina con i maiali sui terreni adibiti alle costruzione delle moschee.

Ma l’effetto più assurdo e preoccupante è quello per cui per difendere “le nostre libertà”, i leghisti propongono di limitarle costantemente e in molti, anche a sinistra, si adeguano. Si veda per esempio la costante “talibanizzazione” delle città italiane. Ovvero il lunghissimo elenco di divieti in cui sono maestri i sindaci leghisti, seguiti purtroppo da primi cittadini di ogni colore politico in cerca di facile consenso. E così ci ritroviamo a vivere in città in cui è vietato lo stazionamento “a più di tre persone nei parchi nelle ore notturne” (come a Novara), in cui si multa un bambino di quattro anni perché mangia un panino davanti a una chiesa (Verona) in cui non si può camminare a torso nudo (Sanremo) o si segano le panchine dei parchi pubblici come a Treviso. Mentre il ministro dell’Interno, il leghista Roberto Maroni, vieta le manifestazioni davanti ai luoghi di culto. Destino inevitabile,perché quello che spaventa realmente leghisti e fondamentalisti non è la religione altrui, ma la libertà.

 

 da Il Fatto quotidiano, 14 gennaio 2010

 

Pover nano…..!

pericolo_di_morte.jpgSono stato incerto se inserire questa segnalazione nella consolidata rubrica “Aiutiamoli a vergognarsi” o crearne una nuova, tipo “Ai confini della realtà”, “Cambia spacciatore”, “ma daiii…”, comunque lascio giudicare ai miei cari coniglietti lettori. Il testo è tratto dal sito ufficiale del Movimento giovani padani (credo affiliato al Movimento cosmico venusiani e discendente della sezione di St:Pauli della Hitlerjugend ma certamente ispirato dal Mitivo Partito nazista dell’Illinois).

Preciso che è TUTTO VERO, non c’è satira che tenga. Valutate voi:

NO AL RAZZISMO!

SIAMO STUFI DI ESSERE TACCIATI DI RAZZISMO, QUANDO INVECE IL RAZZISMO VERO SI CONSUMA CONTRO DI NOI!

In tv abbiamo visto una publicità del Ministero delle pari opportunità… contro il razzismo…e dicono di contattarli nel caso in cui una persona si senta discriminata o vittima di atti di razzismo.

VISTO CHE NOI PADANI(*) SIAMO DISCRIMINATI CON UNA CERTA CONTINUITA’ E VIOLENZA, proponiamo di segnalare ogni atto discriminatorio nei nostri confronti…
chissà che poi non esca sui giornali qualche dato interessante…

GLI ESEMPI SONO TANTISSIMI E CERTE VOLTE DAVVERO SCONVOLGENTI, DATO CHE COLPISCONO SOPRATTUTTO LA POVERA GENTE CHE VIVE IN UNA DELLE REGIONI PADANE
Il Razzismo si coniuga in diverse maniere: si passa dal razzismo di Stato a quello singolare contro chi parla una delle lingue padane.
Alcuni esempi:

  • Lo stato italiano da’ un punteggio maggiore a chi viene da regioni diverse da quelle padane, quindi case popolari e posti di pubblico impiego non vengono dati ai cittadini poveri residenti nelle regioni padane.
    Come è possiible? La Costituzione non sancisce che i cittadini sono tutti uguali? Perchè alcuni devono godere di PRIVILEGI PER DIRITTO DI NASCITA, solo perchè vengono da regioni non padane?
  • Quante volte abbiamo sentito qualcuno farci osservazioni sgarbate quando osiamo parlare le nostre lingue locali?
  • Quante volte ci siamo sentiti tacciare di ignoranza solo perchè riportavamo la verità storica e archeologica sui celti? Quante volte ci siamo sentiti dire che le nostre bisavole erano tutte buone donne gioiose di venire inseminate dai legionari romani?
  • Quante volte hanno sminuito le nostre culture locali sostenendo che fossero fesserie per rozzi ignoranti?
  • Quante volte a scuola l’insegnate ha sostenuto che i cittadini delle regioni padane sono degli zotici ignoranti?
  • Adesso diciamo BASTA!

    Il Ministero delle Pari Opportunità ha creato l’U.N.A.R. (Ufficio Nazionale Anti discriminazione Razziale) ed ha istituito un numero verde.
    Noi intendiamo usarlo
    Stiamo raccogliendo tutte le testimonianze di razzismo contro di noi per mandarle al Ministero delegato per far finalmente valere i nostri diritti.

EPISODI DI RAZZISMO E VIOLENZA CONTRO I PADANI

  • Il nostro Movimento è sempre stato pacifico e non violento, ed ha subito nel corso degli anni numerosi atti di violenza gratuita e atti di razzismo inauditi.
    Quante volte avete letto sul giornale che una sede della Lega è stata distrutta o bruciata? Quante volte ai segretari della lega sono arrivati proiettili di pistola quale minaccia di morte? Tante, troppe per un paese democratico.
    L’episodio forse più clamoroso è stato nel 1996 quando le forze del disordine italiano hanno fatto irruzione illegalmente in un ufficio di un Parlamentare e hanno pestato a sangue l’On. Maroni, e poi lo hanno condannato per resistenza a pubblico ufficiale: oltre il danno la beffa.
    I giornalisti di regime ed i giudici corrotti sostengono che noi siamo i violenti, in realtà noi leghisti non abbiamo mai attaccato nessuno, non abbiamo mai reagito alle offese, non siamo mai stati partecipi di atti di violenza ne’ di razzismo. Se non fosse così, allora i giornali di regime ve lo avrebbero gia’ detto, e ce lo continuerebbero a rinfacciare.
    Noi siamo in tanti, noi siamo un popolo, e non abbiamo bisogno di reagire alle provocazioni di chi democratico non è. Noi in quanto autonomisti e rispettosi delle diverse culture, lingue e tradizioni e amanti della nostra terra e della nostra gente, non abbiamo e non avremo mai bisogno di scendere alle mani.

(*) Padani non vuol dire necessariamente leghisti.
Cosa si intende per padani? Tutti coloro che hanno cittadinanza in una delle regioni padane si definiscono padani.
Non è una definizione che riguardi le origini etniche o culturali o linguistiche, poichè basta essere padani anche da poco per subire le angherie dello stato italione: tasse più alte, accise del metano più alta, impossibilità di accedere alle case popolari o ad un pubblico impiego perchè, risiedendo in Padania, non si riescono ad avere punteggi sufficienti per essere inseriti in graduatoria.
Invitiamo quindi tutti i buontemponi a riflettere su questi dati di fatto.

Povera Anna Frank…

Leggono a scuola il Diario di Anna Frank, deputato leghista li denuncia: “Pagine hard”
Interrogazione di Grimoldi al ministro Gelmini: “Vi è un passo nel quale Anna Frank descrive in modo minuzioso le proprie parti intime e la descrizione è talmente dettagliata da suscitare turbamento in bambini delle elementari”

PaoloI.jpgIl deputato leghista Paolo Grimoldi ha presentato un’interpellanza al ministro dell’istruzione, Mariastella Gelmini, chiedendo il suo intervento nei confronti di una scuola elementare brianzola in cui è stato letto il testo integrale del Diario di Anna Frank. Secondo il leghista, nella versione integrale “vi è un passo nel quale Anna Frank descrive in modo minuzioso e approfondito le proprie parti intime e la descrizione è talmente dettagliata da suscitare inevitabilmente turbamento in bambini della scuola elementare”.

Immediata la replica dalla scuola, la Lina Mandelli di Usmate Velate (Monza-Brianza). “Credo che il ministro dell’Istruzione abbia cose più importanti di cui occuparsi”, ha detto Claudio Redaelli, dirigente vicario dell’istituto. Secondo il dirigente le pagine a cui si riferisce il deputato sono “descrizioni in termini talmente ingenui, come logico attendersi da una dodicenne degli anni Quaranta, da non destare, soprattutto se mediata dall’intervento dell’insegnante, particolare turbamento in bambini del ventunesimo secolo che in tivù vedono e sentono di peggio”.

“Io sono stato interpellato dagli stessi genitori della scuola per ben tre volte – ha detto Grimoldi – La prima volta ho riposto che c’è l’autonomia scolastica, la seconda che forse c’e stato un abuso dell’autonomia, la terza mi sono sentito in dovere di fare questa interrogazione: credo che quelle pagine per bambini di nove anni si possano definire hard”.

Vorrei spezzare una lancia per uno dei miei intellettuali di riferimento, come i miei sodali ben sanno: Cesare Lombroso. Come dare torto al suo genio? Osservate la foto dell”Onorevole” (si fa per dire) della leeegha e poi traete le dovute conclusioni.

http://milano.repubblica.it/dettaglio/leggono-a-scuola-il-diario-di-anna-frank-deputato-leghista-li-denuncia:-pagine-hard/1830061

___________

Biografia del leeeeghista:

Dopo essersi diplomato al Liceo Scientifico “Villoresi San Giuseppe” di Monza ha seguito vari master in economia e comunicazione aziendale oltre che uno stage presso l’Università di Mosca. Iscritto alla Lega Nord dal 1991 è stato Coordinatore del gruppo Monzese del MGP organizzazione giovanile della Lega Nord di Umberto Bossi, successivamente Coordinatore Provinciale MGP della Brianza e Coordinatore Nazionale MGP della Lombardia, dal 2002 è Coordinatore Federale del Movimento Giovani Padani.Nel 2004 viene eletto Consigliere Provinciale per il Carroccio a Milano, quindi viene eletto parlamentare per la prima volta alla Camera dei Deputati nelle elezioni politiche del 2006, nella circoscrizione Lombardia 1. È stato membro della Commissione “Lavoro Pubblico e Privato” della Camera dei Deputati. Rieletto nel 2008 alla Camera dei Deputati per la Lega Nord nella circoscrizione Lombardia 1.

pericolo_di_morte.jpgATTENZIONE! Solo per maggiorenni, duri di scorza e provati dalle cose della vita. Il sito del leeeeghista Grimoldi:

http://www.giovanipadani.leganord.org/scuolafed.asp?StringaDaCercare=Parlamento&Stringa=Federale

Gen 15, 2010 - Italia, Europa, mondo    No Comments

Buone notizie, cattive notizie..

Buone notizie in queste giornate di inizio anno:

1. Renzo Lusetti (1958) ha lasciato il PD. Ex-DC, ex-Margherita, ex-PD. Approda all’UDC. Segretario dei giovani DC nel 1987. Deputato per 5 legislature, eletto nella X legislatura (1987) nel collegio di Avellino-Benevento-Salerno. Autore nella scorsa legislatura di memorabili proposte di legge, fra esse:

  • Disposizioni in favore delle università non statali
  • Norme in favore del Rossini Opera Festival
  • Delega al Governo per il riordino delle funzioni di polizia locale
  • Nuova regolamentazione delle attività di informazione scientifica farmaceutica e istituzione dell’albo degli informatori scientifici del farmaco
  • Disposizioni in materia di raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi freschi o conservati destinati al consumo.
  • Disciplina della professione di ottico-optometrista
  • Disposizioni per contrastare la pratica dell’invio di messaggi elettronici commerciali indesiderati
  • Disposizioni per la prevenzione e il controllo delle infezioni da legionella
  • Concessione di benefìci previdenziali al personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco esposto all’amianto
  • Modifica all’articolo 4 della legge 23 giugno 1927, n. 1188, in materia di toponomastica stradale
  • Disposizioni in materia di tutela dei diritti della famiglia e istituzione dell’Autorità garante della famiglia
  • Norme per il sostegno, la promozione e la valorizzazione delle attività musicali
  • Modifiche all’articolo 51 del testo unico di cui al decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, in materia di limite per i mandati del sindaco e del presidente della provincia
  • Istituzione della Giornata nazionale dei servizi pubblici locali

Il 28 gennaio 2009 la Procura di Napoli gli ha notificato un’informazione di garanzia nell’ambito dell’inchiesta “Global service”, relativa alla manutenzione delle strade del Comune che ha coinvolto magistrati, deputati ed assessori napoletani, nella quale si ipotizza per il deputato il reato di partecipazione in associazione a delinquere.

http://it.wikipedia.org/wiki/Renzo_Lusetti

2. Enzo Carra (1943) ha lasciato il PD per passare all’UDC. È stato portavoce di Arnaldo Forlani. Giornalista professionista, lavorò dal 1970 al 1987 come redattore politico ed editorialista per Il Tempo. Dal 1989 al 1992 è stato capoufficio stampa della Democrazia Cristiana. Dal 1994 al 2001 è stato autore di numerosi reportage televisivi, tra cui l’ultima intervista a Madre Teresa di Calcutta.

Nel 2001 viene eletto alla Camera dei Deputati nella lista della Margherita, nel collegio di Napoli e provincia. Nel 2006 è rieletto alla Camera nella lista dell’Ulivo, nel collegio di Roma 1. Nel 2008 viene eletto per il Partito Democratico nel collegio Sicilia 1 (Palermo, Agrigento, Caltanissetta, Trapani). Alle primarie di ottobre 2009 è eletto, nella lista “Democratici per Franceschini”, all’assemblea nazionale del PD nel collegio romano Trastevere-Gianicolense. Faceva parte del gruppo dei teodem.

Arrestato e detenuto per due mesi (1993) è condannato in via definitiva a 1 anno e 4 mesi per la maxitangente Enimont (1995).

http://it.wikipedia.org/wiki/Enzo_Carra

Cattive notizie in questo inizio anno:

1. Paola Binetti (1943) è ancora nel PD.

2. (ANSA) – PIACENZA, 14 GEN – Il sindaco Pdl di Pecorara, nel Piacentino, ha deciso di cambiare nome alla centralissima piazza XXV Aprile intitolandola al card.Jacopo Da Pecorara. La novita’ ha scatenato molte reazioni. Per l’Associazione partigiani cristiani di Piacenza e’ ”un’offesa ai martiri della Resistenza”, per l’opposizione in Consiglio comunale e’ una ”decisione provocatoria”. Il sindaco Franco Albertini si difende: ”L’unico intento e’ intitolare la piazza principale a un personaggio che ha dato lustro al paese”.

http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/emiliaromagna/2010/01/14/visualizza_new.html_1673852748.html

Gen 14, 2010 - Buone notizie    1 Comment

Il vescovo Bux: «A Rosarno immigrati accolti come fratelli»

Domenica, in tutte le chiese della diocesi di Oppido-Palmi, verrà letto il messaggio scritto dal vescovo Luciano Bux (che pubblichiamo di seguito) dopo la guerriglia urbana, con agguati e ferimenti, che per alcuni giorni, ha sconvolto la cittadina calabrese di Rosarno, nel cuore della piana di Gioia Tauro, contrapponendo lavoratori stranieri – in maggioranza giovani africani –  e residenti della zona, probabilmente manovrati dalla criminalità organizzata.

Dopo la confusa campagna dei mezzi di comunicazione, specie le tv a livello nazionale, e dopo tante dichiarazioni di personaggi locali e nazionali ritengo di dover dire una parola al clero e ai fedeli della nostra diocesi.
Tralascio ogni considerazione di carattere sociale, civile, politico e culturale: non si addicono a una sacra celebrazione. Ritengo sia mio grato dovere, di vescovo, dire un grazie al Signore per il comportamento della Chiesa di Oppido-Palmi non solo in questi giorni, ma per tutti i lunghi anni in cui è nato e cresciuto il fenomeno degli immigrati in diocesi, specie a Rosarno.
In tutti questi anni la nostra Chiesa ha dato esempio di come si possa essere “servi inutili” (Lc. 17, 10), a cominciare dal vescovo, ma servi che si sentiranno dire dal Signore: «Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto» (Mt. 25, 35).
Poi, il Signore dirà a tanti sacerdoti e laici di parrocchie, aggregazioni ecclesiali, organismi diocesani:  «Non vi chiamo più servi… ma vi ho chiamati amici» (Gv. 15, 17). La misericordia di Dio praticata dal nostro clero e dai nostri laici mi è stata di grande conforto nelle recenti tristi giornate. Abbiamo accolto gli immigrati non solo come persone umane, ma come nostri fratelli, a cominciare dai fedeli di Rosarno guidati dai sacerdoti operanti nelle tre parrocchie insieme ai diaconi e alle suore, fino a comunità e gruppi operanti in tante altre località della diocesi. Quando li abbiamo invitati, in anni diversi, a due convegni diocesani per rallegrare con la loro presenza e i loro canti i nostri intervalli di convegno, sono venuti con gioia, e più di uno rinunciando a mezza giornata di lavoro e di guadagno… Ricordo anche dei ragazzi stranieri e musulmani felici di far parte della squadretta di calcio parrocchiale… Dico:  “Grazie”  al Signore e grazie ai preti e ai laici che si sono affaticati con amore generoso per anni, non solo nei giorni passati.
A quei fedeli che sono stati solo a guardare dico:  ogni volta che vedete un essere umano che è nel bisogno, non state solo a guardare e a parlare, ma rimboccatevi le maniche e datevi da fare come potete per alleviare le loro sofferenze.  Questo ci insegna Gesù nella parabola del buon Samaritano (cfr. Lc. 10, 30 ss.).
Alle persone che vivono con la mente e il cuore lontano da Dio, anche se si mostrano religiosi credenti, ricordate loro che Gesù dice:  «Nessuno può servire due padroni, perché … si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro.  Non potete servire Dio e la ricchezza» (Mt. 6, 24).

Concludo con le parole che il Santo Padre, il Papa, ha pronunciato domenica scorsa, con attenzione anche alla nostra Terra:  «Un immigrato è un essere umano, differente per provenienza, cultura e tradizioni, ma è una persona da rispettare e con diritti e doveri, in particolare nell’ambito del lavoro dove è più facile la tentazione dello sfruttamento, ma anche nell’ambito delle condizioni concrete di vita».  «La violenza non deve essere mai, per nessuno, la via per risolvere le difficoltà.  Il problema è anzitutto umano.  Invito a guardare il volto dell’altro e a scoprire che egli ha un’anima, una storia e una vita:  è una persona e Dio lo ama come ama me».
O Signore, nostro e di tutti i popoli, o Signore della Chiesa e di questa Chiesa particolare che è in Oppido-Palmi, grazie a Te e grazie a voi, sacerdoti e fedeli. Per il futuro restiamo nella fedeltà al Vangelo di Gesù nostro Signore e alla Sua Chiesa, che è il Suo mistico Corpo.


Luciano Bux vescovo di Oppido-Palmi

http://www.avvenire.it/Cronaca/A+Rosarno+immigrati+accolti+come+fratelli_201001140832071970000.htm

Gen 13, 2010 - Senza categoria    No Comments

Sabato 16, se qualcuno ha tempo e voglia..

INCONTRO CON LO STORICO MASSIMO STORCHI
Sabato 16 gennaio, alle ore 17.00, per il terzo appuntamento del ciclo “Happy Hours d’Autore”.

Sangue_vincitori 13-52-41.jpgDopo i primi due appuntamenti, svoltisi nell’anno ormai passato, si avvicina il primo incontro del 2010 per il ciclo degli “Happy Hours d’Autore” organizzato da Assessorato alla Cultura e Università Popolare “La Sorgiva” di Montecchio Emilia.
L’appuntamento di sabato 16 gennaio, non a caso prossimo al giorno dedicato “alla memoria”, si presenta con una forte impronta storiografica. È previsto infatti l’incontro con Massimo Storchi, che presenterà il suo ultimo libro “Il sangue dei vincitori. Saggio sui crimini fascisti e i processi del dopoguerra (1945-46)” edito nel 2008 dalla casa editrice reggiana Aliberti; converserà con l’autore Damiano Pignedoli, editor della casa editrice milanese Ubulibri.
Anche questo incontro avrà inizio alle ore 17.00 e si terrà presso la Sala della Rocca del Castello medievale allestita per l’occasione come un conviviale caffè letterario, dove – alla fine della presentazione – sarà possibile intrattenersi e brindare con ospiti e intervistatori.

http://www.comune.montecchio-emilia.re.it/Sezione.jsp?titolo=INCONTRO%20CON%20LO%20STORICO%20MASSIMO%20STORCHI&idSezione=332

Felici di odiare (3)

di Alessandro Dal Lago, da MicroMega 6/2009

3. Il primo anno e mezzo del terzo governo Berlusconi ha fatto emergere una progressiva deriva fascistoide. Naturalmente, questa tendenza non è apparentemente in contraddizione con la forma democratica di un paese inserito in Europa e nel sistema delle alleanze occidentali. Si tratta piuttosto di una dittatura soft dell’esecutivo e del suo beatus possidens, dell’emarginazione progressiva del parlamento, del ridimensionamento della magistratura e della costruzione di un legame diretto e a senso unico con la pubblica opinione grazie al controllo assoluto della televisione e al crescente condizionamento della stampa quotidiana. Un processo che, con tutte le differenze che si possono stabilire, ricorda l’ascesa al potere di Napoleone «il piccolo».
Ma ci si sbaglierebbe pensando che questo cesarismo sia l’esclusivo effetto della manipolazione mediale (come risulta anche dal recente film Videocracy). In realtà, lo strapotere di Berlusconi si fonda anche su un legame sociale parzialmente nuovo (in quanto emerso soprattutto negli anni Novanta) con il pubblico, quello relativo al bisogno indotto di sicurezza personale o, se vogliamo, di incolumità (13). Se l’odio contro i migranti (la famosa «cattiveria» di Maroni) riafferma la relazione esclusiva di una popolazione con il territorio, la questione della sicurezza è funzionale alla costituzione (o alla protezione) immaginaria dell’identità individuale. Odiare gli stranieri significa affermare un’identità collettiva, un «noi». Odiare chi ci rende insicuri vuol dire produrre un’identità personale, disporre di un «io». È naturale che attribuire agli stranieri la responsabilità dell’insicurezza comporta una fusione dell’identità collettiva immaginaria con quella individuale.
La citazione di Hobbes riportata in epigrafe chiarisce come il tema della paura, centrale nella teoria della sovranità nel Leviatano, sgorgasse da un’esperienza diretta della madre del filosofo. Infatti, il parto prematuro sarebbe stato causato nel 1588 dal terrore degli inglesi nell’imminenza dell’attacco dell’Invencible armada spagnola. Ed ecco il passo dell’autobiografia di Hobbes da cui ho tratto l’esergo:

When that Armada did invade our Isle,
Called the invincible, whose freight was then
Nothing but murd’ring steel, and murd’ring men,
Most of which navy was disperst, or lost,
And had the fate to perish on our coast.
April the Fifth (though now with age outworn)
I’th’early spring, I, a poor worm, was born. […]
For fame had rumour’d that a fleet at sea
Would cause our nation’s catastrophe
And hereupon it was my mother dear
Did bring forth twins at once, both me and fear.
For this my countries foes I e’r did hate
With calm peace and my muse associate (14).

La paura è fondamento dell’odio per i nemici della patria e quindi della delega del potere al sovrano che difende la nazione. Ma il tema della sicurezza individuale o dell’incolumità personale costituisce, rispetto a questo luogo fondamentale della teoria politica moderna, una variante che ha acquistato senso e centralità soprattutto dopo la fine del bipolarismo (15). Venuto a mancare il nemico per eccellenza, e cioè il regime sovietico (che Berlusconi ha in parte sostituito con un comunismo immaginario), sono soprattutto i nemici interni ad alimentare in negativo il bisogno di sicurezza e quindi un’identità individuale idiosincratica. Un bisogno performativo, e quindi impossibile da soddisfare se non nella sua incessante e interminabile ripetizione. La sicurezza richiesta dai cittadini (o da chi parla in loro nome) è evidentemente utopica e quindi illusoria. Nessuno, e tanto meno le truci ronde spontanee o le ridicole pattuglie di alpini mandati a passeggiare nei nostri centri storici, può assicurare l’assoluta protezione dai rischi della vita urbana. Ma nel momento in cui il potere (e Berlusconi sa farlo meglio di chiunque altro) riconosce la legittimità, anzi la priorità, della richiesta incessante di sicurezza, il cittadino – che ovviamente corre gli stessi rischi che ha sempre corso, e cioè quelli abituali di qualsiasi città europea – vede soddisfatto non tanto il suo bisogno di sicurezza, quanto il suo diritto di esigerla.
In questo senso, il diritto alla sicurezza ha sostituito gran parte degli altri diritti: un salario decente e stabile, un’autentica partecipazione politica, le libertà civili. Se il diritto al salario esprime il riconoscimento dei bisogni materiali e della dignità del lavoro, e la partecipazione e le libertà civili rappresentano in qualche misura una cittadinanza paritaria e non soggetta alle istituzioni, il «diritto» alla sicurezza (in larga parte immaginaria) presuppone – esattamente come quello alla protezione dai nemici esterni di cui parla Hobbes – un cittadino che invoca lo Stato e quindi finisce per delegargli ogni potere. La questione delle ronde non deve trarre in inganno. Il cittadino che ha rinunciato ai suoi diritti sociali e civili in nome della sicurezza è un cittadino infantilizzato, incapace di vedere al di là della porta di casa, e di immaginare i rapporti con i suoi simili se non in chiave di minaccia. Oggi si illude di partecipare alla gestione della propria sicurezza, ma in realtà non fa che mimare in modo farsesco la repressione dei nemici interni, reali o immaginari che siano, su cui si basa ogni potere totalitario, formalmente legittimo o no.
Nella costituzione di un nuovo legame di dipendenza sociale, la destra berlusconiana non è stata sola. In realtà, grazie all’azione avanguardistica della Lega, ha portato alle estreme conseguenze un processo politico-culturale a cui ha partecipato gioiosamente anche il centro-sinistra, almeno negli anni Novanta, quando era per lo più al governo. Rileggendo le cronache di quegli anni si scopre facilmente come a iniziare il discorso del diritto alla sicurezza, della sicurezza «partecipata», della lotta contro il «degrado» urbano, alle iniziative dal basso contro la microcriminalità (soprattutto degli stranieri) eccetera siano ambienti Ds o Pds. Probabilmente, uomini come Amato, Violante, Chiamparino, Fassino, Veltroni, Livia Turco o Giorgio Napolitano, per citare solo quelli più noti, si illudevano che in questo modo avrebbero strappato alla destra un formidabile argomento politico (16).

E invece non facevano che legittimare una relazione profondamente impolitica tra cittadini e Stato. E questo avveniva proprio nella fase in cui altri diritti, soprattutto quelli sociali, venivano messi in discussione. Con ciò il centro-sinistra si avviava a perdere non solo una precisa identità politica, ma soprattutto una base sociale. Un cittadino impaurito, timoroso del futuro ma senza possibilità di vedere rappresentati i propri bisogni, non può che alla fine votare la destra, se non altro perché questa si mostra evidentemente più decisionista nella repressione dei nemici interni.
Non sappiamo se l’individuo Berlusconi sopravviverà politicamente alla sua attuale delegittimazione internazionale e (parzialmente) interna. Ma il legame sociale basato sulla sicurezza (che oggi, insieme al controllo dei media, è un fondamento del potere berlusconiano) è difficilmente modificabile senza un profondo ripensamento della sua natura impolitica. Opporre alla sicurezza repressiva e xenofoba della destra la «sicurezza» partecipata, come si sostiene in alcune penose riflessioni del centro-sinistra, non ha altro significato che la subalternità al modello sociale su cui il Cavaliere ha costruito quindici anni di trionfi. È vero che non si tratta di un’eccezione e che la subalternità, strategica, psicologica e culturale, è la principale chiave di lettura delle sconfitte dell’Ulivo. E tuttavia, il terreno della sicurezza appare quello più delicato e in prospettiva decisivo per l’esistenza stessa della sinistra.
Stabilire una buona volta un confine tra realtà e psicosi collettive in materia di microcriminalità, degrado eccetera, rinunciare a un’idea di legalità basata sul divieto ossessivo di comportamenti socialmente irrilevanti, rivedere alla radice il problema delle migrazioni e dei diritti dei migranti, e soprattutto smetterla con una concezione infantilizzata della cittadinanza sarebbero i primi passi per rinunciare alla subalternità nei confronti della destra per ora trionfante. Ma c’è da dubitare fortemente che l’attuale ceto dirigente del centro-sinistra, privo com’è di cultura politica e perso nelle sue irrilevanti diatribe, ne sia capace.

Note

(1) «E fu così che la mia cara mamma/ partorì d’un colpo due gemelli, me e la paura», ora in Th. Hobbes, Leviathan, with selected variants from the latin edition of 1668, a cura di Edwin M. Curley, Hackett, Indianapolis 1994.
(2) Si veda per un’analisi della cultura di cui Berlusconi è avanguardia ed espressione, P. Pellizzetti, Fenomenologia di Berlusconi, Manifestolibri, Roma 2009.
(3) Forse, poujadismo sarebbe più appropriato, per definire in parte la cultura leghista. Ma con «fascistoide» si può intendere un fondo costante della cultura italiana che, per quanto affine ad altre tendenze di destra in Europa, risale appunto al nostro fascismo.
(4) Tale cultura non è affatto in contraddizione con l’imprenditorialità, la capacità di fare affari a distanza eccetera. Questo è il mondo dei piccoli imprenditori che magari esportano (o esportavano) in tutto il mondo, ma poi votano Lega perché è il partito che assicura vantaggi nel «territorio». Quando una certa sociologia dilettantesca, negli anni Novanta, si è esaltata per il modello del «Nord-Est» non ha compreso che attivismo microindustriale e reazione politica erano del tutto compatibili.
(5) «Io, per effetto di vero amore e di stima/ lavoro e penso dapprima/ ai miei compatrioti e alla mia terra/ e poi, se mi avanza, ai forestieri», G. Rota, citato in B. Belotti, Storia di Bergamo e dei bergamaschi, Bolis, Bergamo 1959.

(6) Da ultimo, cfr. M. Marzano, «I muri che alimentano la nostra paura», la Repubblica, 31-8-2009.

(7) Ciò vale in misura minore anche per l’ostilità nei confronti dei meridionali, che è diffusa nel Nord più di quanto si creda e che la Lega alimenta periodicamente proprio per riaffermare la sua natura territoriale. Naturalmente, finché la Lega resta un partito del governo nazionale, questa ostilità non può superare certi livelli.
(8) Cfr. J. Bale, Sport, Space and the City, Routledge, London 1993. Da parte mia ho analizzato questi processi in A. Dal Lago, Descrizione di una battaglia. I rituali del calcio, il Mulino, Bologna 2001, 2a ediz. Naturalmente, non è necessario che il territorio esista realmente. Deve essere soprattutto un luogo dell’immaginazione. Ecco allora volta per volta il «Nord», la «Padania», il dialetto «lombardo» eccetera, luoghi geografici e culturali quindi aleatori e fungibili, a seconda delle convenienze.
(9) Per un’analisi della funzione critica che le migrazioni rivestono nei confronti delle società di immigrazione cfr. A. Sayad, L’immigrazione o i paradossi dell’alterità, Ombre Corte, Verona 2008.
(10) Cfr., per esempio, G. Cadalanu, «Migranti, Amnesty accusa l’Italia», la Repubblica, 28-5-2009.
(11) Cfr. il mio Non-persone. L’esclusione dei migranti in una società globale, Feltrinelli, Milano 1999 (ediz. aumentata 2004), in cui si analizzano in questo senso il decreto Dini del 1995, la legge Napoletano-Turco del 1998 e la successiva Bossi-Fini..
(12) Il 27 agosto 2009 le principali agenzie di stampa hanno diffuso l’allarme del governo italiano sulle carceri (Alfano: «Carceri sovraffollate da stranieri, serve l’intervento dell’Europa». Bossi: «Sono piene zeppe di immigrati»). A prima, vista si potrebbe pensare una volta di più a uscite goliardiche. Dopo aver varato leggi xenofobe che hanno l’effetto di riempire le carceri, il governo si appella all’Europa o denuncia gli effetti della propria attività. Ma si tratta piuttosto di quello stile fascistoide, tutto giocato sulle boutade a sensazione, di cui parlavo sopra.
(13) Per una discussione di questo punto Z. Bauman, La solitudine del cittadino globale, Feltrinelli, Milano 2000, con una mia postfazione.
(14) «Quando la nostra isola fu invasa dall’armata, chiamata l’invincibile,/ e si sparse il terrore dell’acciaio e degli uomini uccisori,/ gran parte di quella flotta fu dispersa o distrutta/ e il destino la fece perire sulle nostre coste./ il 5 aprile [1588] all’inizio della primavera/ io nacqui, vermiciattolo ora consumato dall’età. […]/ Si era sparsa la notizia che una flotta al largo/ avrebbe causato la catastrofe della nazione./ E fu così che la mia cara mamma/ partorì d’un colpo due gemelli, me e la paura./ Per questo ho sempre odiato i nemici del mio paese/ con tranquilla serenità e sorretto dalla mia musa», Th. Hobbes, Vita carmine expressa, vv. 1-8 e 25-30.
(15) Cfr. C. Robin, Paura. La politica del dominio, Egea, Milano 2005.
(16) Questa è in fondo il motivo per cui le scienze sociali in Italia non hanno criticato queste derive, e hanno invece partecipato alla stigmatizzazione degli stranieri in nome della protezione dei cittadini (penso a un sociologo notissimo come Marzio Barbagli). Cfr. il mio «Ma quando mai è stata di sinistra? Alcune considerazioni sulla sociologia “embedded” in Italia», Etnografia e ricerca qualitativa, 3, 2009.

Felici di odiare (2)

di Alessandro Dal Lago, da MicroMega 6/2009

2. Il personaggio Berlusconi è, insomma, la maschera di un blocco sociale e culturale di destra che si è potuto esprimere liberamente, quasi gioiosamente, grazie alla scomparsa di quei partiti che, dopo la caduta del fascismo, esercitavano in Italia una funzione gramsciana di pedagogia collettiva, e cioé il Pci e la Dc. Il termine generico «destra» è forse inadeguato perché non rende la peculiarità anche storica di questa cultura. «Fascistoide» ne esprime meglio la natura: attaccamento spasmodico alla proprietà, affarismo, decisionismo contro i deboli, mitologia, a seconda delle varianti, della nazione o della piccola patria, spirito strapaesano, sospetto nei confronti di qualsiasi cosa venga da fuori, assoluta indifferenza ai diritti degli altri (3). È una cultura provinciale profondamente radicata nel paese, forse più nelle zone sviluppate e apparentemente moderne che nel resto (4). Probabilmente le sue potenzialità eversive (come si manifestano nella Lega) sono state tenute a freno per molto tempo dalla presenza di un capillare cattolicesimo organizzato. Ma per avere un’idea di quanto sia antico questo genius loci italiano, anzi padano, si considerino i versi apparentemente affabili di un poeta settecentesco, l’abate Giuseppe Rota, difensore della poesia in bergamasco e antilluminista radicale.

Mi per efett de ver amour, de stima,
Lavori e pensi in prima
A i mè compatriogg e a i mè terèr;
E dopo, se ’l men vansa, a i forestè (5).

Ma l’affabilità dell’uomo di Chiesa è notoriamente scomparsa nei suoi successori leghisti e non solo in loro. È vero che nello stesso centro-destra le sparate xenofobe della Lega fanno alzare qualche sopracciglio, ma questo è lo spirito che anima, con piccole varianti, tutto il Pdl e che Berlusconi ha mirabilmente sintetizzato. È qui la ragione profonda del ruolo centrale che l’immigrazione gioca nella vicenda italiana. La questione ha portato alla luce non tanto una generica ostilità all’altro, come si sostiene ritualmente nei tentativi di analizzare l’anomalia italiana e le derive xenofobe (6), quanto la stessa ragion d’essere, materiale e simbolica, del blocco sociale berlusconiano e della sua espressione più radicale, e cioè la Lega. Se mai questa un giorno dovesse rivedere per assurdo le sue posizioni in materia d’immigrazione, negherebbe la propria ragion d’essere. La Lega è naturalmente e felicemente xenofoba. Essa ha scoperto cioè da una ventina d’anni quanto il suo «popolo» sia felice nell’odiare qualcuno, come se fosse una curva di tifosi perennemente in guerra contro un’altra curva. E quindi paradossalmente, la Lega ha bisogno dell’immigrazione e dell’insicurezza (7).
Ho usato la metafora della curva calcistica perché meglio di ogni altra descrive la profonda topofilia della destra italiana, l’ossessione per il territorio (8). L’immigrato rappresenta, con la sua semplice esistenza di essere umano uscito dal suo paese per entrare in un altro, la negazione della territorialità, e cioè del fatto che si possa esistere come attori sociali e politici solo in un territorio (9). Ma si tratta di una negazione indispensabile alla cultura politica della destra italiana. Se un giorno, sempre per assurdo, gli stranieri non arrivassero più, la Lega esaspererebbe il conflitto con quelli che ci sono, ne inventerebbe di nuovi o ne rispolvererebbe di vecchi (come nelle grottesche e periodiche sparate contro i «meridionali»). Perché la territorialità non si esprime nel semplice possesso esclusivo di un territorio, ma nella sua riaffermazione incessante – tale pretesa deve essere pronunciata in eterno per avere senso politico. Ecco perché la Lega (e in misura minore, ma nello stesso senso, il resto del centro-destra) ha bisogno dell’immigrazione per poterla «contrastare» e quindi riaffermare la propria pretesa esclusiva al territorio.
Si tratta dunque di un contrasto che ha soprattutto una funzione simbolico-politica, al di là dei terribili costi umani che il recente pacchetto-sicurezza e il rifiuto indiscriminato dei richiedenti asilo stanno causando. Mi spiego: l’espulsione preventiva dei migranti (i cosiddetti respingimenti) e la negazione dell’asilo politico non significano la fine dell’immigrazione irregolare. Per mille rivoli, nonostante i naufragi e le deportazioni in Libia, gli stranieri continueranno ad arrivare e ad alimentare il mercato del lavoro clandestino. Se questo rimane invisibile, alla Lega e alla destra va benissimo (come dimostra la sanatoria delle badanti, e cioè di una categoria sociale non solo indispensabile alle famiglie ma scarsamente visibile perché confinata entro le mura domestiche). Per il resto, quello che importa alla Lega e alla destra è il consenso su una politica simbolicamente muscolare. Stando ai sondaggi, il consenso c’è e ciò dà un’idea del grado di implosione culturale e politica del paese.
Questo è dunque il significato di una politica migratoria tutta giocata sulla paura. Poche migliaia di migranti vengono lasciati alla deriva nel Canale di Sicilia o respinti in Libia, dove il loro destino, in base a numerose testimonianze, è a dir poco oscuro (uccisioni, vessazioni di ogni genere, carcerazioni indefinite, violenze, deportazioni verso paesi terzi sottratte a qualsiasi controllo internazionale eccetera) (10). Tutti gli altri, regolari o irregolari che siano, vivono da noi in una condizione d’invisibilità sociale, di mancanza di diritti, di obbedienza ai padroncini e di terrore verso qualsiasi polizia si occupi di loro. Ma il governo di centro-destra non ha mai veramente bloccato il loro afflusso. Negli anni del secondo governo Berlusconi (2001-2006), il numero dei migranti regolarizzati è più che raddoppiato, rispetto all’epoca del precedente governo Prodi, e una tendenza analoga, a partire appunto dalla sanatoria delle cosiddette badanti, è facilmente ipotizzabile oggi. Con la faccia feroce verso gli sventurati che traversano il Canale di Sicilia e gli stranieri che commettono piccoli reati e, allo stesso tempo, l’assorbimento delle categorie degli invisibili nell’economia domestica, il governo Berlusconi realizza un duplice obiettivo: la riaffermazione simbolica della difesa del territorio e il sostegno alle famiglie e alle piccole imprese. Con il recente pacchetto sicurezza si realizza dunque un inasprimento parossistico di quel doppio regime verso gli stranieri (i clandestini «cattivi» e i regolari «buoni») che, in realtà, ha sempre definito le politiche pubbliche italiane, di destra e di sinistra, in materia di immigrazione (11).
Tutto ciò ha naturalmente dei costi sociali e politici. Per cominciare, il pacchetto sicurezza approvato nel luglio 2009 introduce un reato, quello di immigrazione clandestina, che sta portando inevitabilmente al sovraffollamento delle carceri (12). Non solo: l’attività della polizia dovrebbe raddoppiare per controllare davvero i possibili clandestini. E data l’attuale crisi economica e finanziaria, questo è chiaramente impossibile. Inoltre, anche senza chiamare in causa l’opposizione di vasti ambienti cattolici alle leggi dell’attuale governo, il pacchetto sicurezza sta visibilmente aprendo dei conflitti con l’Europa. Benché in linea di principio l’atteggiamento europeo sia altrettanto ostile all’immigrazione incontrollata, quasi tutti i paesi europei hanno una legislazione più aperta nei confronti dei richiedenti asilo. Espellendoli a priori, l’Italia, una volta di più, non fa che scaricare il problema sul resto d’Europa.
La politica italiana in materia di immigrazione e diritto d’asilo espone il paese non solo all’aggravamento di problemi tradizionali (il sovraffollamento delle carceri, l’ingorgo dell’apparato giudiziario e di polizia), ma anche a frizioni con il resto del continente. E tuttavia è assai dubbio che l’attuale maggioranza cambi rotta. Come si è detto sopra, la cultura politica della destra si fonda sull’odio nei confronti di nemici reali e immaginari, forestieri, migranti, clandestini, «comunisti» eccetera. Essa è quindi basata sull’emergenza, sull’idea del territorio assediato, cioè su sentimenti collettivi irrazionali che assicurano alla destra, finché probabilmente la crisi economica non spariglierà i giochi attuali, il consenso del fondo sociale del paese. In questo senso, se altri poteri esterni o interni (l’alleato americano, l’Europa, la Chiesa…) non interverranno, direttamente o indirettamente, Berlusconi e i suoi pretoriani (parte del Pdl, la Lega eccetera) continueranno a percorrere la strada attuale, anche quando è visibilmente contraria agli interessi collettivi.

continua

Pagine:«123456»