Erfurt-Reggio: tutto uguale

topf.jpgPiove anche se l’aria mite promette primavera. Almeno dal punto di vista meteorologico perchè lo scenario rimane quello di sempre, un misto fra il rutto e il pianto, coperto da un ostinato silenzio. Ormai sembra quasi inutile anche scrivere, è troppo facile sbeffeggiare le comparse sulla scena. Se anche Giò Vanardi (il cui cranio veniva usato nei manuali UNI come unità di misura per la durezza delle punte da trapano a uso industriale) lascia la nave corsara, vuol dire che anche i topi stanno nuotando verso riva. Eppure il galeone (ormai) fantasma è ancora lì.

Chi mi conosce sa che sono-a parte la cattiveria d’animo, frutto di un’infanzia difficile-una persona mite e conciliante. Eppure alla Enterogelmina di domenica sera da Fazio avrei scatarrato sugli occhialetti da insegnante stile pornosoft anni 70. Lo so, non va bene, ma il troppo è troppo.

E che dire della Ministra dell’ambiente che cinguetta che le centrali le faremo comunque, a prescindere? E per fortuna lo sappiamo che le centrali non le avremo mai, ma avremo dilapidato, in doni, buste, auto e conti esteri alcuni miliardi per amici e sodali. Per informazioni rivolgersi al sig.Testa (nooo, non il poeta-cantautore, quell’altro..).

Piove ed è troppo facile prendersela con questa gentaglia. Ma nella bella Regium Lepidi? Tengo famiglia e quindi mi astengo. Vi basti il solito apologo germanico: nel 2003 con i Viaggi della Memoria visitammo Buchenwald, Dora, Dresda. Avevamo base a Erfurt e andammo a visitare la fabbrica-ormai abbandonata-Topf&Sohne, costruttori dei forni crematori di Auschwitz/Brikenau. Roba da archeologia industriale, ci parlarono di un comitato, di storici che volevano salvare quel luogo etc. Ora basta andare all’indirizzo: http://www.topfundsoehne.de/cms-www/index.php e godersi le immagini del luogo di memoria aperto nel 2010. Tutto come da noi.

Come non pensare alle nostre Reggiane? Quale migliore luogo di memoria sulla storia del Novecento? Un luogo capace di attrarre visitatori da tutto il mondo. Anche a Erfurt le autorità locali hanno alienato parte dell’area (imponendo vincoli) per finanziare la realizzazione della struttura, aggiungendo 600.000 euro. Noi abbiamo speso una simile cifra per goderci dei file digitali e pagare uffici stampa. Da noi si fa così. Tutto bene (sfpd). Good night and good luck!

Erfurt-Reggio: tutto ugualeultima modifica: 2011-03-16T10:26:00+00:00da pelikan-55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento