Notizie dal Monviso

“..Poi, Bossi e Calderoli si sono bagnati la testa con le ultime gocce e con le dita bagnate hanno toccato il capo ad alcuni bambini che li affiancavano nell’atto conclusivo.”

http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/politica/udc-soli/bossi-venezia/bossi-venezia.html

Eravamo preoccupati ma a torto. I leghisti sono una certezza: dove non arriva la fantasia o la vergogna, loro vanno oltre. Il cuore oltre l’ostacolo, si decidessero, nelle loro imprese, a tirarsi dietro anche il cervello sarebbe meglio, ma, signora mia, tutto non si può avere. Così siamo al battesimo padano. Già il calderoli si era sposato con rito celtico (sacerdote forse Panoramix?), ora siamo all’imposizione delle mani, ai re taumaturghi, o semplicemente alla demenza collettiva.

Facile ridere. Ma faceva ridere il duce che trebbiava il grano, occhialoni e pancetta al sole? Facevano ridere i giovani della hitlerjugend zompettare nudi e biondi nelle foreste teutoniche? Si comincia ridendo, poi sorridendo, alla fine toccherà ai pochi scampati ricostruire un minimo di decenza collettiva.

Su una cosa però io sono d’accordo con i leghisti e lo dico forte: bisogna difendere la padania dall’invasione con una catena umana. Giusto. Ma la proposta di farla sul Po il prossimo maggio mi sembra un po’ deboluccia, roba da checche insomma (o da froci per stare al loro rude lessico). E poi volete lasciare l’Emilia e la santa Lombardia agli infedeli, ai turchi, agli “abbronzati”. Non sia mai!

Allora propongo una vera azione per uomini veri. Una catena umana non sul Po ma sugli Appennini, dal Colle di Cadibona alla Futa. Ma ora, subito, i tempi stringono!

Quanti chilometri saranno? Diciamo 400? Allora facendo due conti: un leghista tiene un metro, mille a chilometro fanno 400.000 leghisti, manina nella manina, a vegliare notte e giorno sul crinale. Per noi. Per difenderci.

Cosa dice, signora? Oltre i 1000 metri già incomincia far freddo? Cosa vuole che sia per veri uomini come loro?

D’inverno nevica? E certo, mica siamo in Tunisia o in terronia! E poi qualche sacrificio si deve pur fare no?

I lupi? Già questo è un problema, povere bestie, si meritano di azzannare qualche polpaccio della val brembana? Magari il wwf si incacchia pure, però…valutiamo i vantaggi. Grazie al loro sacrificio (sì, perchè si può pensare a perdite come per la Julia in Russia del 75%) l’Italia risorgerà più bella e più superba che pria, per dirla alla Petrolini!

Vuol mettere, signora?

Notizie dal Monvisoultima modifica: 2009-09-14T16:50:00+02:00da pelikan-55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento