Felici di odiare (3)

di Alessandro Dal Lago, da MicroMega 6/2009

3. Il primo anno e mezzo del terzo governo Berlusconi ha fatto emergere una progressiva deriva fascistoide. Naturalmente, questa tendenza non è apparentemente in contraddizione con la forma democratica di un paese inserito in Europa e nel sistema delle alleanze occidentali. Si tratta piuttosto di una dittatura soft dell’esecutivo e del suo beatus possidens, dell’emarginazione progressiva del parlamento, del ridimensionamento della magistratura e della costruzione di un legame diretto e a senso unico con la pubblica opinione grazie al controllo assoluto della televisione e al crescente condizionamento della stampa quotidiana. Un processo che, con tutte le differenze che si possono stabilire, ricorda l’ascesa al potere di Napoleone «il piccolo».
Ma ci si sbaglierebbe pensando che questo cesarismo sia l’esclusivo effetto della manipolazione mediale (come risulta anche dal recente film Videocracy). In realtà, lo strapotere di Berlusconi si fonda anche su un legame sociale parzialmente nuovo (in quanto emerso soprattutto negli anni Novanta) con il pubblico, quello relativo al bisogno indotto di sicurezza personale o, se vogliamo, di incolumità (13). Se l’odio contro i migranti (la famosa «cattiveria» di Maroni) riafferma la relazione esclusiva di una popolazione con il territorio, la questione della sicurezza è funzionale alla costituzione (o alla protezione) immaginaria dell’identità individuale. Odiare gli stranieri significa affermare un’identità collettiva, un «noi». Odiare chi ci rende insicuri vuol dire produrre un’identità personale, disporre di un «io». È naturale che attribuire agli stranieri la responsabilità dell’insicurezza comporta una fusione dell’identità collettiva immaginaria con quella individuale.
La citazione di Hobbes riportata in epigrafe chiarisce come il tema della paura, centrale nella teoria della sovranità nel Leviatano, sgorgasse da un’esperienza diretta della madre del filosofo. Infatti, il parto prematuro sarebbe stato causato nel 1588 dal terrore degli inglesi nell’imminenza dell’attacco dell’Invencible armada spagnola. Ed ecco il passo dell’autobiografia di Hobbes da cui ho tratto l’esergo:

When that Armada did invade our Isle,
Called the invincible, whose freight was then
Nothing but murd’ring steel, and murd’ring men,
Most of which navy was disperst, or lost,
And had the fate to perish on our coast.
April the Fifth (though now with age outworn)
I’th’early spring, I, a poor worm, was born. […]
For fame had rumour’d that a fleet at sea
Would cause our nation’s catastrophe
And hereupon it was my mother dear
Did bring forth twins at once, both me and fear.
For this my countries foes I e’r did hate
With calm peace and my muse associate (14).

La paura è fondamento dell’odio per i nemici della patria e quindi della delega del potere al sovrano che difende la nazione. Ma il tema della sicurezza individuale o dell’incolumità personale costituisce, rispetto a questo luogo fondamentale della teoria politica moderna, una variante che ha acquistato senso e centralità soprattutto dopo la fine del bipolarismo (15). Venuto a mancare il nemico per eccellenza, e cioè il regime sovietico (che Berlusconi ha in parte sostituito con un comunismo immaginario), sono soprattutto i nemici interni ad alimentare in negativo il bisogno di sicurezza e quindi un’identità individuale idiosincratica. Un bisogno performativo, e quindi impossibile da soddisfare se non nella sua incessante e interminabile ripetizione. La sicurezza richiesta dai cittadini (o da chi parla in loro nome) è evidentemente utopica e quindi illusoria. Nessuno, e tanto meno le truci ronde spontanee o le ridicole pattuglie di alpini mandati a passeggiare nei nostri centri storici, può assicurare l’assoluta protezione dai rischi della vita urbana. Ma nel momento in cui il potere (e Berlusconi sa farlo meglio di chiunque altro) riconosce la legittimità, anzi la priorità, della richiesta incessante di sicurezza, il cittadino – che ovviamente corre gli stessi rischi che ha sempre corso, e cioè quelli abituali di qualsiasi città europea – vede soddisfatto non tanto il suo bisogno di sicurezza, quanto il suo diritto di esigerla.
In questo senso, il diritto alla sicurezza ha sostituito gran parte degli altri diritti: un salario decente e stabile, un’autentica partecipazione politica, le libertà civili. Se il diritto al salario esprime il riconoscimento dei bisogni materiali e della dignità del lavoro, e la partecipazione e le libertà civili rappresentano in qualche misura una cittadinanza paritaria e non soggetta alle istituzioni, il «diritto» alla sicurezza (in larga parte immaginaria) presuppone – esattamente come quello alla protezione dai nemici esterni di cui parla Hobbes – un cittadino che invoca lo Stato e quindi finisce per delegargli ogni potere. La questione delle ronde non deve trarre in inganno. Il cittadino che ha rinunciato ai suoi diritti sociali e civili in nome della sicurezza è un cittadino infantilizzato, incapace di vedere al di là della porta di casa, e di immaginare i rapporti con i suoi simili se non in chiave di minaccia. Oggi si illude di partecipare alla gestione della propria sicurezza, ma in realtà non fa che mimare in modo farsesco la repressione dei nemici interni, reali o immaginari che siano, su cui si basa ogni potere totalitario, formalmente legittimo o no.
Nella costituzione di un nuovo legame di dipendenza sociale, la destra berlusconiana non è stata sola. In realtà, grazie all’azione avanguardistica della Lega, ha portato alle estreme conseguenze un processo politico-culturale a cui ha partecipato gioiosamente anche il centro-sinistra, almeno negli anni Novanta, quando era per lo più al governo. Rileggendo le cronache di quegli anni si scopre facilmente come a iniziare il discorso del diritto alla sicurezza, della sicurezza «partecipata», della lotta contro il «degrado» urbano, alle iniziative dal basso contro la microcriminalità (soprattutto degli stranieri) eccetera siano ambienti Ds o Pds. Probabilmente, uomini come Amato, Violante, Chiamparino, Fassino, Veltroni, Livia Turco o Giorgio Napolitano, per citare solo quelli più noti, si illudevano che in questo modo avrebbero strappato alla destra un formidabile argomento politico (16).

E invece non facevano che legittimare una relazione profondamente impolitica tra cittadini e Stato. E questo avveniva proprio nella fase in cui altri diritti, soprattutto quelli sociali, venivano messi in discussione. Con ciò il centro-sinistra si avviava a perdere non solo una precisa identità politica, ma soprattutto una base sociale. Un cittadino impaurito, timoroso del futuro ma senza possibilità di vedere rappresentati i propri bisogni, non può che alla fine votare la destra, se non altro perché questa si mostra evidentemente più decisionista nella repressione dei nemici interni.
Non sappiamo se l’individuo Berlusconi sopravviverà politicamente alla sua attuale delegittimazione internazionale e (parzialmente) interna. Ma il legame sociale basato sulla sicurezza (che oggi, insieme al controllo dei media, è un fondamento del potere berlusconiano) è difficilmente modificabile senza un profondo ripensamento della sua natura impolitica. Opporre alla sicurezza repressiva e xenofoba della destra la «sicurezza» partecipata, come si sostiene in alcune penose riflessioni del centro-sinistra, non ha altro significato che la subalternità al modello sociale su cui il Cavaliere ha costruito quindici anni di trionfi. È vero che non si tratta di un’eccezione e che la subalternità, strategica, psicologica e culturale, è la principale chiave di lettura delle sconfitte dell’Ulivo. E tuttavia, il terreno della sicurezza appare quello più delicato e in prospettiva decisivo per l’esistenza stessa della sinistra.
Stabilire una buona volta un confine tra realtà e psicosi collettive in materia di microcriminalità, degrado eccetera, rinunciare a un’idea di legalità basata sul divieto ossessivo di comportamenti socialmente irrilevanti, rivedere alla radice il problema delle migrazioni e dei diritti dei migranti, e soprattutto smetterla con una concezione infantilizzata della cittadinanza sarebbero i primi passi per rinunciare alla subalternità nei confronti della destra per ora trionfante. Ma c’è da dubitare fortemente che l’attuale ceto dirigente del centro-sinistra, privo com’è di cultura politica e perso nelle sue irrilevanti diatribe, ne sia capace.

Note

(1) «E fu così che la mia cara mamma/ partorì d’un colpo due gemelli, me e la paura», ora in Th. Hobbes, Leviathan, with selected variants from the latin edition of 1668, a cura di Edwin M. Curley, Hackett, Indianapolis 1994.
(2) Si veda per un’analisi della cultura di cui Berlusconi è avanguardia ed espressione, P. Pellizzetti, Fenomenologia di Berlusconi, Manifestolibri, Roma 2009.
(3) Forse, poujadismo sarebbe più appropriato, per definire in parte la cultura leghista. Ma con «fascistoide» si può intendere un fondo costante della cultura italiana che, per quanto affine ad altre tendenze di destra in Europa, risale appunto al nostro fascismo.
(4) Tale cultura non è affatto in contraddizione con l’imprenditorialità, la capacità di fare affari a distanza eccetera. Questo è il mondo dei piccoli imprenditori che magari esportano (o esportavano) in tutto il mondo, ma poi votano Lega perché è il partito che assicura vantaggi nel «territorio». Quando una certa sociologia dilettantesca, negli anni Novanta, si è esaltata per il modello del «Nord-Est» non ha compreso che attivismo microindustriale e reazione politica erano del tutto compatibili.
(5) «Io, per effetto di vero amore e di stima/ lavoro e penso dapprima/ ai miei compatrioti e alla mia terra/ e poi, se mi avanza, ai forestieri», G. Rota, citato in B. Belotti, Storia di Bergamo e dei bergamaschi, Bolis, Bergamo 1959.

(6) Da ultimo, cfr. M. Marzano, «I muri che alimentano la nostra paura», la Repubblica, 31-8-2009.

(7) Ciò vale in misura minore anche per l’ostilità nei confronti dei meridionali, che è diffusa nel Nord più di quanto si creda e che la Lega alimenta periodicamente proprio per riaffermare la sua natura territoriale. Naturalmente, finché la Lega resta un partito del governo nazionale, questa ostilità non può superare certi livelli.
(8) Cfr. J. Bale, Sport, Space and the City, Routledge, London 1993. Da parte mia ho analizzato questi processi in A. Dal Lago, Descrizione di una battaglia. I rituali del calcio, il Mulino, Bologna 2001, 2a ediz. Naturalmente, non è necessario che il territorio esista realmente. Deve essere soprattutto un luogo dell’immaginazione. Ecco allora volta per volta il «Nord», la «Padania», il dialetto «lombardo» eccetera, luoghi geografici e culturali quindi aleatori e fungibili, a seconda delle convenienze.
(9) Per un’analisi della funzione critica che le migrazioni rivestono nei confronti delle società di immigrazione cfr. A. Sayad, L’immigrazione o i paradossi dell’alterità, Ombre Corte, Verona 2008.
(10) Cfr., per esempio, G. Cadalanu, «Migranti, Amnesty accusa l’Italia», la Repubblica, 28-5-2009.
(11) Cfr. il mio Non-persone. L’esclusione dei migranti in una società globale, Feltrinelli, Milano 1999 (ediz. aumentata 2004), in cui si analizzano in questo senso il decreto Dini del 1995, la legge Napoletano-Turco del 1998 e la successiva Bossi-Fini..
(12) Il 27 agosto 2009 le principali agenzie di stampa hanno diffuso l’allarme del governo italiano sulle carceri (Alfano: «Carceri sovraffollate da stranieri, serve l’intervento dell’Europa». Bossi: «Sono piene zeppe di immigrati»). A prima, vista si potrebbe pensare una volta di più a uscite goliardiche. Dopo aver varato leggi xenofobe che hanno l’effetto di riempire le carceri, il governo si appella all’Europa o denuncia gli effetti della propria attività. Ma si tratta piuttosto di quello stile fascistoide, tutto giocato sulle boutade a sensazione, di cui parlavo sopra.
(13) Per una discussione di questo punto Z. Bauman, La solitudine del cittadino globale, Feltrinelli, Milano 2000, con una mia postfazione.
(14) «Quando la nostra isola fu invasa dall’armata, chiamata l’invincibile,/ e si sparse il terrore dell’acciaio e degli uomini uccisori,/ gran parte di quella flotta fu dispersa o distrutta/ e il destino la fece perire sulle nostre coste./ il 5 aprile [1588] all’inizio della primavera/ io nacqui, vermiciattolo ora consumato dall’età. […]/ Si era sparsa la notizia che una flotta al largo/ avrebbe causato la catastrofe della nazione./ E fu così che la mia cara mamma/ partorì d’un colpo due gemelli, me e la paura./ Per questo ho sempre odiato i nemici del mio paese/ con tranquilla serenità e sorretto dalla mia musa», Th. Hobbes, Vita carmine expressa, vv. 1-8 e 25-30.
(15) Cfr. C. Robin, Paura. La politica del dominio, Egea, Milano 2005.
(16) Questa è in fondo il motivo per cui le scienze sociali in Italia non hanno criticato queste derive, e hanno invece partecipato alla stigmatizzazione degli stranieri in nome della protezione dei cittadini (penso a un sociologo notissimo come Marzio Barbagli). Cfr. il mio «Ma quando mai è stata di sinistra? Alcune considerazioni sulla sociologia “embedded” in Italia», Etnografia e ricerca qualitativa, 3, 2009.

Felici di odiare (3)ultima modifica: 2010-01-13T16:18:00+01:00da pelikan-55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento