Dic 4, 2012 - Senza categoria    1 Comment

Much ado for nothing (tanto rumore per nulla)

molto_rumore_per_nulla_09.jpgLunedì di sole in val Padana. Tutto bene quel che finisce bene. Le primarie si sono concluse con un bella partecipazione di popolo, forse un segnale positivo di recupero di parte di quel gap fra politica e cittadini di cui il belpaese ha bisogno. Belle giornate di democrazia. Bene. E io, chiederanno i miei 25 lettori? Renzi, Bersani? E prima ancora Vendola, Tabacci, Puppato? Spiacente. Storchi n.p.. Non pervenuto o, meglio, non partecipante.
Premetto che ritengo il voto un diritto troppo importante per non esercitarlo, penso solo a quanti si sono lasciati uccidere perchè noi potessimo liberamente scegliere chi ci rappresenta o, più modestamente, esprimere un giudizio, una opinione. Per questo ho sempre votato, a denti stretti, magari pensando ad altro (sempre più di frequente negli ultimi anni), ma ho votato.
Questa volta no. Domenica 25 per scelta, domenica 2 perché non mi è stato consentito.
Per scelta perché erano almeno quattro le questioni che mi tenevano lontano dai gazebo: 1. La lotta Bersani-Renzi mi sembrava troppo simile alla resa dei conti fra comunisti e democristiani e, non essendo mai stato nè uno nè l’altro, mi sembrava un segno dell’acronismo dei tempi presenti; 2. La stessa scelta di tanti personaggi (piccoli e grandi, locali e nazionali) fra B. e R. mi ricordava lo spettacolo delle formula 1 alla prima curva del GP: tutti lanciati a trovare lo spiraglio giusto per arrivare avanti e piazzarsi il meglio possibile; 3. La scelta di un candidato premier senza sapere con quale legge elettorale voteremo in primavera mi sembrava un po’ improvvisata; 4. La vaghezza dei programmi di tutti i candidati non mi rassicurava di fronte ai problemi del paese e non mi garantiva nel prosieguo dell’operazione-salvataggio avviata (pur con troppe difficoltà) dal governo Monti.
Non ho votato. Me ne sono stato a Fortezza Bastiani a scrivere, leggermi un libro e pensare alla caducità della vita. Lunedì ho visto e letto dei risultati e, chissà, forse memore del vecchio detto “Chi si estranea dalla lotta è un gran figlio di mignotta” e avendo troppa stima e riconoscenza per mia madre (che Dio la salvi nell’alto dei cieli, amen) mi sono informato come rientrare in gioco.
E qui inizia la parte divertente, gogoliana (le anime morte) o pirandelliana (il gioco delle parti). Cronistoria per l’inclito pubblico: martedì incontro 3 augusti esponenti del PD locale, compreso il leader dei renziani e chiedo loro lumi. Che devo fare per votare al ballottaggio? Si guardano in viso come avessi chiesto l’IBAN di Marchionne. Boh, non so, chissà… Vado a consultare il sito del locale PD e trovo la risposta: “Chi non ha votato il 25 e non è registrato potrà farlo solo nelle giornate del 29 e 30 presso le locali Federazioni”. Bene, giusto, logico. Un amico mi tranquillizza: on line c’è anche un video di Berlinguer (garante dei garanti) che conferma la stessa cosa. Solo due giorni e in luoghi limitati. Penso che un elettore mancato di Collagna non sia comodo venire fino a Reggio in giornate di lavoro, ma chi se ne frega, io abito in centro…
A questo punto parte una giostra che nemmeno Faydeau avrebbe immaginato. Si vota sì, no non si può, c’è la delibera, la controdelibera. E poi l’epifania, la rivelazione, il verbo si incarna ed il logos promana tutto il suo potere. Potrà votare solo chi, registrandosi nei giorni suddetti, porterà la “giustificazione” per l’assenza alla prima tornata. “Giustificazione” da presentare a tre “garanti” che valuteranno se accettarla o no.
Leggo e rileggo il testo della rivelazione. Anche Saulo, caduto da cavallo e rialzatosi, impiegò qualche giorno per riprendersi dalla cecità e capire cos’era accaduto sulla via di Damasco, figurarsi il povero Storchi.
Penso e ripenso e capisco una cosa: io che avrei voluto essere elettore del centrosinistra, ma non sono iscritto nè a Pd, SEL o PSI avrei dovuto presentarmi davanti a tre signori, espressi da questi partiti, per “giustificarmi”. Tre signori che non rappresentano nulla, anzi meno. Sia chiaro, non parlo delle tre persone (che pure conosco) ma del ruolo, della loro funzione. Presentarmi per “giustificarmi” di una scelta personale, libera e democratica? L’ultima volta che ho presentato una “giustificazione” correva l’anno 1973 e rimasi a casa per 25 giorni dal Liceo per polmonite. La mia mamma scrisse “motivi di salute” e tornai in classe (con relativo certificato medico). Ma ora? Giustificarmi? Ma se non mi giustifico nemmeno con mia moglie, vista la fiducia che regna fra coniugi!
Da piccolo storico di provincia mi viene in mente il febbraio 1951 quando, dopo lo strappo di Valdo Magnani, i compagni furono convocati davanti a una Commissione per ribadire la loro incrollabile fedeltà al partito e all’idea. 61 anni fa.
Mentre sono preso in queste considerazioni leggo cose meravigliose: un onorevole (nostro dipendente a caro prezzo) insulta che non si è registrato e poi ha cambiato idea; mi accorgo di essere divenuto ufficialmente un leghista-forzaitaliota-infiltrato; amici mi dicono compunti “le regole sono regole e non si cambiano” (Berlinguer manco lui le sapeva le regole?). Poi un amico un po’ più paziente e pietoso mi spiega che si tratta di difendere la sinistra dai nemici occulti della reazione in agguato, dai servi del neoliberismo che vogliono picchiare gli operai, togliere la pensione alle vecchiette e comperare gli F35.
Cionfoli! E io che avevo solo cambiato idea e mi sarebbe piaciuto dare il mio contributo alla scelta del (forse) leader! Vedi che roba la vita, ti distrai un attimo e ti trovi con la camicia nera addosso!
Ultima ratio tento la registrazione on line, motivazione che inserisco nella casellina “motivi di lavoro” (ma potevo scriverci “capperi miei”?), entro sabato mi faranno sapere…Ma sabato mi arriva una mail minacciosa:

Ricordiamo che solo il Coordinamento Provinciale “Primarie Italia Bene Comune” di Reggio Emilia può autorizzare la straordinarietà dell’iscrizione al ballottaggio del 2 dicembre.
Se non riceve l’accoglimento positivo della sua richiesta dal suddetto Coordinamento Provinciale, non è autorizzato al voto del ballottaggio in base all’art. 14 del regolamento per le Primarie approvato dal Collegio Nazionale Garanti il 19 ottobre 2012.
 
IL COORDINAMENTO PROVINCIALE DI REGGIO EMILIA
 
Sveno Ferri
Franco Ferretti
Silvio Prampolini 

Aargh. Era finita. Respinto. Bocciato. La prima reazione è stato il gesto di Alberto Sordi ne “I vitelloni”, poi, riflettendo con più calma e cercando meglio le parole mi è sgorgato dai precordi un reggiano “mo’ va’ a caghèr!”. Ho passato una domenica tranquilla in famiglia, leggendo un buon libro, dopo una santa messa in quel di Pratofontana.
Lunedi mattina apprendo di essere stato in buona compagnia: noi reprobi abbiamo sfiorato le 125.000 unità. A Reggio sono stati “giustificati” appena più di un centinaio (avevano conoscenze, si sono giustificati meglio? Sono stati convincenti nella loro autocritica?). Comunque i respinti sono stati il 4% dei votanti, fra Bersani e Renzi lo scarto è stato di oltre 30 punti percentuali. Come dire: Tanto rumore per nulla. Si potevano accettare tutti i reprobi e non sarebbe cambiato nulla (ammesso che tutti, io per primo, avessimo votato Renzi). Non ci sarebbero stati casini e il PD non avrebbe fatto una solenne figura di guano, anzi di merda del Volga.
Morale della vicenda? La deducano i miei 25 lettori. Per parte mia garantisco, per rispetto a chi si è sacrificato per noi, di votare sempre. Anzi aspetto le prossime primarie per la scelta dei candidati e stavolta mi registrerò il primo minuto della prima ora, con inchiostro indelebile e mano ferma. Ma, poco ma sicuro, comunque vada il mio voto dovranno sudarselo, tutto e intero.

Much ado for nothing (tanto rumore per nulla)ultima modifica: 2012-12-04T00:10:00+01:00da pelikan-55
Reposta per primo quest’articolo

1 Commento

  • Non ho capito perchè abbia deciso di votare al ballottaggio,visto la vaghezza dei programmi la lotta fra ex pc e ex dc.. etc..etc.. forse solo per scoprire di non poterlo fare?
    Detto questo anch’io penso che avrebbero dovuto permettere a chi lo voleva di iscriversi anche solo per il secondo turno.

Lascia un commento