Nov 22, 2010 - Italia, Europa, mondo    No Comments

Tre pensierini sul PD

tre_scimmiette-713365.jpgSolo tre pensierini-ini sul PD.

1. Il PD è nato dalla fusione fra DS e DL. C’era chi votava DS (e quindi non votava DL) e chi votava DL (e quindi non votava DS). All’improvviso tutti hanno votato tutti. Gli stessi elettori (e fin qui tutto bene) dovevano votare gli stessi candidati (e qui non tutto va bene). Qualcuno ha inghiottito il rospo, qualcuno non ce l’ha fatta. Non potendo votare i legoidi o i berluscones, avviliti dalla sinistra estrema (meglio, esterna al reale) se ne sono stati a casa. Chi si aspettava la logica: partito nuovo, gente nuova, è rimasto con l’amaro in bocca. Gli altri si sono dovuti fare una ragione dei paradossi della vicenda. Io che non avevo mai votato a.e. Fioroni (e non lo voterei nemmeno con la pistola alla nuca) mi sono ritrovato ad appoggiare quella lista che comprendeva non solo Fioroni, ma la Binetti, D’Alema, LaTorre, etc… Mi stupisco di avercela fatta, sono davvero un uomo di marmo (sfpd) ma anche il marmo prima o poi cede alle ingiurie del tempo..

2. Il PD ha radici ebraiche? Come noto, l’ebraismo non pratica il proselitismo, in termini cristiani non evangelizza, si nasce ebrei e chi vuol convertirsi lo fa per scelta personale. Al PD interessano nuovi iscritti, militanti, persone interessate a spendersi in un’attività “politica”? Pare di no. Sottoscritto a parte, poco rappresentativo da molti punti punti di vista, conosco decine di amici/elettori ai quali mai nessuno è andato a chiedere: “Perchè non ti iscrivi?”. Chissà perchè? Forse perchè era gente in gamba e non si sarebbe accontentata di portar borse ai soliti noti, mediocri di lungo corso? Mah, scusate il brutto pensiero ma, come sa chi mi conosce, sono cattivo d’animo perchè ho avuto un’infanzia difficile…

3. E’ difficile conoscere il reale, figurarsi cosa pensa il PD su varie questioni, tanto che ci nasce il dubbio di una svolta sartriana incentrata sul programma “Essere e nulla”. Ma la domanda che uno si pone è: la politica culturale del PD a Reggio Emilia coincide con quella dell’amministrazione del Comune capoluogo? Se sì, grazie tanto: alla prossima tornata elettorale vi aspetto tutti a Fortezza Bastiani per una buona grigliata (portate la carne, il vino ce lo metto io), se no: cosa cappero ci sta a fare il PD di fronte allo sfascio in corso? Nisi unum aliud, tertium non datur…

Tre pensierini sul PDultima modifica: 2010-11-22T08:47:00+01:00da pelikan-55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento