Gen 12, 2013 - Senza categoria    No Comments

Colpa del telegrafista?

p-rubens-battaglia-anghiari.gifAnno nuovo a Fortezza Bastiani. Siamo rimasti silenziosi ben nascosti sui nostri spalti mentre le pallottole fischiavano da tutte le parti, poche munizioni e molti nemici. Situazione poco simpatica. Alte perdite. Onore ai caduti ma abbiamo tenuto la posizione. Ora un po’ di infermeria rimetterà tutto a posto (o quasi).

Quando il fumo e la nebbia si è diradata il panorama apparso non è confortante. Campagna elettorale la chiamano, a me sembra uno di quegli incubi “post cavoletti di Bruxelles a cena”, dove non c’è nessun buono ma tutti urlano, berciano, dicono cose che sarebbero orribili non fossero ridicole et similia.

Qui a Fortezza ormai non arrivano più i quotidiani, i tartari hanno tagliato le vie di rifornimento e ci accontentiamo dei segnali di fumo e dei messaggi in morse che arrivano grazie a specchietti luminosi riflessi al tramonto. Le notizie devono essere state male interpretate dal nostro telegrafista (come fargliene una colpa? Negli ultimi assalti ha perso una gamba, il piede dell’altra, 7 dita delle mani su dieci, l’ascella destra e un molare) perché il foglio-notizie che ci ha presentato riporta queste informazioni:

1. Il generale Aureliano Buendia di Gallipoli (quello che fece 66 rivoluzioni e le perse tutte) si candida a Ministro degli Esteri, aveva dichiarato di abbandonare la caserma dove prestava servizio dai tempi dell’Urss e vuole rientrare allo Stato Maggiore? Impossibile.

2. Il vecchio porco plastificato gira per tutte le tivu del Regno ad ogni ora e i sondaggi lo danno in risalita. Fantascienza.

3. L’ex comico di Genova ha detto che i voti di Casapound sono voti come gli altri, tanto quel conta sono i “progetti”. Ridicolo.

4. Sarebbe nato un movimento di “moderati in rivoluzione”, guidato da un tale milionario non si sa come. Come se fosse nata l’associazione “mondine nel deserto” o la “protezione nazista delle sinagoghe”. Fantasioso.

5. Pare che un magistrato si sia candidato senza dimettersi dalla magistratura medesima, era finito in Guatemala ma poi la nostalgia l’ha riportato a casetta. Oceanico.

6. Il cardinal Kamillo Rovini sarebbe in moto per fare ancora danni, oltre la montagna di boiate degli ultimi 25 anni, gira in tv a presentare un libro dove spiega che i problemi del mondo sono tutti colpa della Rivoluzione francese. Ributtante.

7. Il buon vecchio zio Mario si sarebbe messo nei Casini senza doppi Fini e andrebbe in giro a dire che vuol cambiar l’Italia. Con quei compagnucci? Abuso edilizio.

8. Fra Secchia e Crostolo un Barbieri (Emerenzio) dice che dopo 42 anni non si candiderà più, mentre l’Uomo di Marmo dice che sì, lui si candida ancora, tanto sono solo 36 anni che fa politica, insomma ha finito l’apprendistato e nei prossimi cinque anni darà il meglio (e comunque arriverà a 41 anni, sempre meno di Barbieri). Epocale.

9. Nel 2013 si farà ancora Fotografia Europea, crisi o non crisi, Modena o non Modena (che nel 2014 aprirà un grande centro internazionale della Fotografia, roba tosta, alla modenese, micca fuffa). Abbagliante.

10. Alle elezioni è stato candidato quel tale Moggi che truccava anche le partite di Subbuteo del nipotino. Del resto fra ladri, corrotti, battone, culi di pietra e profeti di sventura, uno così quasi non si nota. Falloso.

 Queste le notizie. Impossibile, povero telegrafista, chissà cos’ha capito…

Colpa del telegrafista?ultima modifica: 2013-01-12T18:35:00+01:00da pelikan-55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento