Gita aziendale

Da “L’amaca” di Michele Serra (Repubblica, 23 aprile)

E’ in corso un dibattito politologico: se sia o non sia un sultanato il potere berlusconiano. A giudicare dalla prima pagina di “Libero” di ieri, che pubblicava la foto di un trio di majorettes in bikini sostenendo trattarsi di candidate alle europee provinate da Silvio in persona, il sultanato è un modello di governo decisamente troppo ambizioso, e ben temperato. Accostarlo al berlusconismo è incauto e rischia di offendere qualche potente signore esotico con turbante di zaffiri, portamento elegante e ottima conoscenza della lingua inglese. bisogna fare uno sforzo (lo dico al professor Sartori) e cercare definizioni più calzanti al clima allegramente dopolavoristico creato da un ricchissimo padrone che ha trasformato la politica e le istituzioni in un momento di svago per le sue maestranze. Ex segretarie, signorine buonasera, interi cast televisivi, la popolosa filodrammatica di strada che popola i reality, un catalogo ammirevole di fiche di rappresentanza, portaborse e portacarte, avvocati e commercialisti, lo staff medico al completo dall’otorino al callista, scriba al seguito, cantori e giocolieri di corte, ex-nemici acquistati all’ingrosso (asta su E-bay?), barconi affollatissimi di profughi di Hammamet: tutti insieme a Roma e/o Strasburgo, in festosa comitiva. E’ la prima volta nella storia che una gita aziendale diventa classe dirigente.

Gita aziendaleultima modifica: 2009-04-24T08:49:00+02:00da pelikan-55
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento